Bartolo da Sassoferrato – nella cultura europea tra Medioevo e Rinascimento


invitobartolo

 

 

 

 

ISTITUTO INTERNAZIONALE DI STUDI PICENI

“BARTOLO DA SASSOFERRATO”

In ricordo di Padre Stefano Troiani, già ispiratore e promotore

dell’Istituto Giuridico “Bartolo da Sassoferrato”

Istituto internazionale di Studi Piceni “Bartolo da Sassoferrato” Corso don Minzoni, 40 – 60041 Sassoferrato (An) www.studiumanisticipiceni.com

ISBN 978-88-392-1005-0

© 2015    Istituto internazionale di Studi Piceni “Bartolo da Sassoferrato” QuattroVenti

Diritti di traduzione, riproduzione e adattamento totale o parziale e con qualsiasi mezzo, riservati per tutti i paesi.

Indice

Indirizzo di saluto, Ugo Pesciarelli                                                                                  7

Premessa, Galliano Crinella                                                                                              9

Prefazione, Victor Crescenzi e Giovanni Rossi                                                             11

ETTORE DEZZA

Bartolo e la giustizia penale – Prime note                                                                      13

MARIA GIGLIOLA DI RENZO VILLATA

Bartolo consulente nel ‘penale’: un’auctoritas indiscussa?                                     25

GIOVANNI ROSSI

Sulle orme di Lorenzo Valla: una rilettura del trattato De insigniis et armis

di Bartolo                                                                                                                                63

VICTOR CRESCENZI

Bartolo da Sassoferrato e il problema del potere pubblico                                       97

ENRICO SPAGNESI

Che cosa sia vera nobiltà: da Bartolo a Pompeo Neri                                              119

GUIDO MARIA CAPPELLI

Il castigo del Re. Bartolo, Pontano e il problema della disubbidienza                  141

FERDINANDO TREGGIARI

Bartolo e gli ebrei                                                                                                              155

ANDREA BARTOCCI

Bartolo e l’economia dei conventi mendicanti nel Trecento                                  207

FERDINANDO TREGGIARI

«Doctoratus est dignitas»: la lezione di Bartolo                                                       221

PAOLO MARI

Bartolo e la condizione femminile. Brevi appunti dalle lecturae bartoliane       239

MARIA ALESSANDRA PANZANELLI FRATONI

Bartolo da Sassoferrato e la stampa, ovvero della sua prima

fortuna editoriale                                                                                                               253

JAMES MEARNS

The influence of Bartolus of Sassoferrato on Andrea Alciato’s discussion

of a legal war                                                                                                                      285

Indice dei nomi                                                                                                                   311

 

INDIRIZZO DI SALUTO

L’iniziativa dell’Istituto internazionale di Studi Piceni “Bartolo da Sassoferrato” di raccogliere e pubblicare i saggi presentati nei due congressi del 2013 e 2014, in occasione del settimo centenario della nascita di Bartolo, rappresenta una straordinaria opportunità di conoscenza ed approfondimento delle sue geniali intuizioni in tutti i campi del diritto e dell’attualità del suo insegnamento. E noi, cittadini di Sassoferrato, non possiamo non essere orgogliosi che un figlio di questa terra abbia portato alto nel mondo il nome di Sassoferrato, in virtù della sua dottrina giuridica e del suo immenso sapere. Intendo, pertanto, esprimere la mia personale soddisfazione e di tutta l’Amministrazione comunale per questo lavoro e per le sue finalità che, nel ricordare la vita e le opere di un personaggio di fama mondiale, universalmente conosciuto come “il padre del diritto” o con l’appellativo di “Monarca juris”, esalta questa nostra terra, questa nostra città così ricca di storia e di grandi tradizioni culturali.

A memoria della ricorrenza pluricentenaria, il 3 luglio 2013, a fianco della Chiesa di San Francesco, è stata apposta, a nome dell’Amministrazione Comunale e della città di Sassoferrato, la lapide che recita così: “Qui, alla scuola di Fra’ Pietro d’Assisi, Bartolo, mirabile assertore di concordi leggi tra i popoli, iniziò il luminoso cammino verso le somme vette del sapere giuridico”.

Nei tempi attuali, tempi difficili, di crisi nei quali sembrano venir meno le risorse materiali e morali, questa opera sia allora, per ognuno di noi, ma soprattutto per le giovani generazioni, uno stimolo a ricercare e custodire quotidianamente la giustizia, la legalità, la lealtà, la condivisione dei valori umani e universali, per un cammino verso un mondo più giusto, un equilibrato rapporto sociale e una pacifica convivenza tra i cittadini e i popoli. Nella consapevolezza che questo lavoro offrirà un nuovo contributo alla conoscenza di questo nostro illustre concittadino, mantenendone più che mai vivo l’interesse, a nome dell’Amministrazione comunale e mio personale voglio esprimere gratitudine per l’iniziativa.

Il Sindaco di Sassoferrato

Ugo Pesciarelli

 

PREMESSA

Con il volume di Autori Vari, Bartolo da Sassoferrato nella cultura europea tra Medioevo e Rinascimento, l’Istituto internazionale di Studi Piceni, che nel 2015, in occasione del sessantesimo di fondazione, ha acquisito la denominazione di Istituto internazionale di Studi Piceni “Bartolo da Sassoferrato”, intende, insieme con il Comune di Sassoferrato, dare il suo proprio contributo alle iniziative per il settimo centenario della nascita dell’insigne giurista, ricordato nell’occasione in altri contesti e città laddove il magistero bartoliano aveva potuto esprimersi in tutta la sua altezza ermeneutica ed applicativa. Vi sono raccolti i testi delle relazioni tenute all’interno del XXXIV (2013) e XXXV (2014) Congresso internazionale di Studi Umanistici, evento di riconosciuto valore scientifico nel campo degli studi sull’umanesimo classico promosso da molti anni in collaborazione con il Comune di Sassoferrato.

Il volume, che inaugura la Collana “Studi bartoliani”, è pubblicato dal nostro Istituto in coedizione con l’editrice urbinate QuattroVenti ed è curato da Victor Crescenzi e Giovanni Rossi ai quali va un sincero ringraziamento per il prezioso lavoro organizzativo e culturale. Il ringraziamento va esteso al giovane Manuel Fiori che ha redatto l’indice dei nomi. Con questa iniziativa editoriale intendiamo, ad un tempo, riprendere e sviluppare il progetto e le intuizioni dell’Istituto Giuridico “Bartolo da Sassoferrato”, costituito nel 1994 per iniziativa del Comune sentinate in collaborazione con l’Università di Urbino e il prof. Giovanni Polara. Un Istituto che, prima della sua chiusura, aveva operato per alcuni anni dando vita, tra l’altro, alla pubblicazione, presso il “Cigno Galileo Galilei Edizioni di Arte e Scienza”, di un’opera bartoliana assai importante, i Commentaria, nella versione fornita delle Additiones del Diplovatazio conservata nell’Università di Pavia.

Ricordo qui anche un altro segno dell’attenzione della città di Sassoferrato e del nostro Istituto per l’opera magistrale di Bartolo: la giornata di studi bartoliani, tenutasi a Sassoferrato nel giugno 2011, con gli interventi di Giovanni Rossi, Diego Quaglioni, Ferdinando Treggiari e Annalisa Belloni poi confluiti nel supplemento monografico a “Studi Umanistici Piceni” 2012, curato da Ferruccio Bertini e con la presentazione di Luigi Lacchè. Se volgiamo lo sguardo al prossimo futuro, siamo certi che, pur in tempi di forte contrazione delle risorse destinate alle attività culturali, la Regione Marche, la stessa Sassoferrato, Fondazioni ed Istituti di credito sapranno sostenere e contribuire ad incentivare le attività di ricerca attorno all’opera bartoliana, uno dei punti più alti della riflessione giuridica continentale, gloria della città, della Regione Marche e dell’Italia, e che si pone alla base del Diritto comune europeo.

Il Presidente dell’Istituto internazionale di Studi Piceni “Bartolo da Sassoferrato” Galliano Crinella